Share Button

 

Venerdì 7 Luglio 2017 a Salerno, in Via Velia, all’altezza di Piazza Flavio Gioia, nei pressi del Bar Velia, alle ore 16:00, sarà deposta una corona di fiori per ricordare ed onorare Carlo Falvella.

Tale commemorazione è stata voluta ed organizzata congiuntamente dal coordinamento provinciale del movimento ufficiale dei giovani di “Fratelli d’Italia”, “Gioventù Nazionale”, l’associazione studentesca “Azione Universitaria” e il movimento “Azione Studentesca” della Provincia di Salerno.

Il Presidente provinciale di “Gioventù Nazionale” Salerno, Domenico Masullo, afferma che «Sono passati 45 anni, ma noi giovani della destra salernitana non restiamo in silenzio, non dimentichiamo, anzi andiamo avanti, a testa alta, con la passione e la determinazione di chi ha voglia di ricostruire una società, quella attuale, in cui i valori e gli ideali stanno affievolendo in favore di strane logiche economiche. Lo dobbiamo a chi, prima di noi, ha combattuto con onore, fino alla morte, in difesa della nostra comunità identitaria e politica».

Infatti, Carlo Falvella, l’allora vicepresidente del Fronte Universitario d’Azione Nazionale di Salerno, che all’età di diciannove anni, nel 1972, fu ucciso dall’accecante odio politico anarchico.

A tal proposito, il Presidente provinciale di “Azione Studentesca” Salerno (movimento degli studenti delle scuole medie superiori), Romano Carabotta, dichiara che: «abbiamo voluto fortemente essere presenti a questa commemorazione, nella quale ricordiamo, prima che il ragazzo, il militante che Carlo era; voltandoci indietro, guardiamo il suo esempio: ammiriamo la sua vita dedicata completamente alla militanza ed alla lotta per quello in cui credeva. Ne facciamo tesoro, un testimone, una bandiera, che abbiamo la responsabilità di custodire e portare sempre alta. Nel suo nome, e nel nome di tutti coloro che, come lui, si sono sacrificati non invano, avanza la nostra lotta”.

Sulla stessa linea d’onda anche il Presidente provinciale di “Azione Universitaria” Salerno, nonché dirigente nazionale in pectore di “Gioventù Nazionale”, Alfonso Pepe, che precisa: «proprio in questo particolare momento storico-politico, in cui stiamo rifondando sia il movimento universitario che quello giovanile, tanto a livello provinciale e regionale quanto a livello nazionale, ci teniamo a tenere vivo il ricordo di Carlo.
Falvella era il vicepresidente di quel FUAN, precursore dell’odierna Azione Universitaria, ed è per questo che più di tutti ci sentiamo in dovere di ricordarlo, non solamente domani attraverso il cordoglio ma soprattutto in ogni singola battaglia politica che svolgiamo nel quotidiano e all’università».

Salerno, lì 06/07/2017

Share Button

NESSUN COMMENTO

Lascia una risposta