Share Button

 

ALBANELLA. La giunta comunale, guidata dal sindaco Renato Josca, chiede all’Asl Salerno e alle autorità competenti l’istituzione di un punto di immediato intervento per emergenze sanitarie sul territorio. Lo scopo è  “ridurre morti evitabili e gravi disabilità conseguenti a situazioni di emergenza-urgenza sanitaria” attraverso l’intervento diretto e qualificato del personale del 118, con il primo trattamento sul luogo dell’evento e il successivo trasporto

Il sindaco Renato Josca
Il sindaco Renato Josca

verso l’ospedale di competenza. Il territorio di Albanella si trova in posizione strategica rispetto ai comuni limitrofi, con un bacino di utenza di circa 15.000 abitanti. L’invecchiamento della popolazione e l’incremento di malattie cardiovascolari porta alla necessità di incrementare le strutture deputate a fornire assistenza al paziente acuto e critico, colpito da improvvise patologie che presentino le specifiche caratteristiche di emergenza-urgenza. “Il servizio di emergenza territoriale – spiega il sindaco Josca –  potrà garantire la riduzione del tempo di intervento per  patologie acute e nella patologia traumatica  costituendo l’elemento di collegamento tra l’attività sanitaria svolta sul territorio e quella svolta in ospedale, realizzando il raccordo tra esigenze della medicina extraospedaliera e ospedaliera attraverso l’opera di coordinamento e gestione degli eventi di soccorso, sia in caso di emergenza singola che in caso di catastrofe”. La richiesta avanzata dal Comune di Albanella è stata trasmessa anche al prefetto di Salerno e al presidente della Giunta regionale della Campania.

Share Button