Share Button

BATTIPAGLIA. Gestione degli impianti sportivi, dal Pd giunge una proposta per una soluzione veloce della problematica che in queste settimane sta affrontando l’amministrazione guidata dalla sindaca Cecilia Francese. A portarla avanti è il segretario cittadino del Pd Davide Bruno attraverso una nota stampa. «Rispetto alla

Davide Bruno, segretario Pd Battipaglia
Davide Bruno, segretario Pd Battipaglia

questione dell’impiantistica sportiva il Comune è attanagliato dai problemi relativi alle gestioni passate e alla vendita degli stessi impianti, ma soprattuto è prossima la scadenza per l’iscrizione ai  campionati relativi alle attività agonistiche delle varie discipline ed è imminente l’inizio della nuova stagione sportiva, coinvolgendo numerose associazioni nella  nostra città – si legge in una nota -. E’ fondamentale, infatti, salvaguardare la pratica sportiva, intesa come bene della collettività, in special modo per i soggetti svantaggiati, garantendo l’uso degli impianti per lo svolgimento di tutti gli sport praticati in forma associativa, federativa o per aggregazione amatoriale, nonché assicurare la razionalizzazione della gestione delle strutture di cui il Comune è proprietario (PalaSchiavo e PalaPuglisi) e a cui non può provvedere direttamente, sia per carenza di personale che per la complessità organizzativa e operativa sia per la mancanza della previsione di copertura finanziaria». E poi arriva la proposta del segretario cittadino del Pd. «Per ridurre i tempi rispetto ad una una procedura di gara per concessione che impiega risorse e tempi di aggiudicazione ad oggi non disponibili,  si propone, quindi, un palaschiavo-battipagliaunico dispositivo che contiene  l’affidamento del servizio di gestione temporanea degli impianti sportivi per la durata di 9 mesi (nove) da settembre a giugno 2017, mediante  Procedura Di Cottimo Fiduciario Con Affidamento Diretto (sentenza del Consiglio di Stato n. 413 del 3 febbraio 2016 in cui si  afferma che in alcuni casi è pienamente legittimo l’affidamento temporaneo della gestione di un impianto sportivo con procedura negoziata allo scopo di evitare i costi insostenibili derivanti dall’inutilizzo dell’impianto), Previa Manifestazione di Interesse  (per Società o associazioni sportive, iscritte al registro pubblico del CONI e al Comitato Italiano Paralimpico che non abbiano pendenze nei confronti del Comune) e  uno  schema di gara ad evidenza pubblica per l’aggiudicazione in concessione degli impianti alla scadenza dei 9 mesi – continua la nota del segretario Pd -. Nella crisi di strutture proponiamo, anche che la palestra dell’istituto comprensivo “Sandro Penna” che si sta per ultimare sia completata con gli adeguamenti per la pratica agonistica e che anche la gestione delle palestre degli istituti superiori,in orario  extrascolastico possa contribuire a risolvere il problema con una convenzione tra Comune e Provincia per gli istituti superiori (Liceo Scientifico Medi, Istituto Ferrari, ITC Besta).  Gli obiettivi di fondo di tale azione  sono tesi a favorire una maggiore efficienza degli impianti sportivi pubblici e di miglioramento, implementazione e diffusione della pratica sportiva, con conseguenti benefici effetti sia sul piano sociale che pubblico».

Share Button