Share Button

Nell’anno in cui il tema del Giffoni è l’acqua, non poteva mancare una maratona ad esso dedicata. Si parte con un tuffo nelle profondità degli abissi marini con LA SIRENETTA di Ron Clements e John Musker (1989, 83’): Ariel è una sirena dallo spirito libero che sogna di diventare Principessa ed entrare a far parte del mondo degli umani. Dopo aver coraggiosamente stretto un patto con Ursula, una subdola strega del mare, Ariel è pronta a imbarcarsi nell’avventura che cambierà per sempre la sua vita. Si continua con ATLANTIS L’IMPERO PERDUTO di Gary Trousdale e Kirk Wise (2001, 95’), una straordinaria avventura alla scoperta del mistero che avvolge il leggendario impero perduto di Atlantide. Spinto dalla volontà di trovare il mitico regno degli abissi, Milo, un giovane avventuriero, scopre un antico manoscritto contenente alcuni indizi che portano a un luogo segreto. Insieme a un gruppo di strampalati esploratori guidati dall’esuberante Rourke, Milo s’imbarca con il sottomarino Ulysses per una rischiosa spedizione in fondo al mare. Poi un salto nelle tropicali e lussureggianti Hawaii, con l’esilarante LILO & STITCH di Chris Sanders e Dean DeBlois (2002, 82’): Lilo è una tenera ragazzina che adotta un bizzarro cagnolino blu, senza sapere che Stitch in realtà è un esperimento alieno fuorilegge, precipitato fortunosamente con la sua astronave. Si passa dunque all’Oceano Pacifico, il più vasto della Terra, che ci regala uno spettacolo fantastico: la Grande Barriera Corallina. Da qui, nel film Disney·Pixar ALLA RICERCA DI NEMO di Andrew Stanton e Lee Unkrich (2003, 100’), parte la meravigliosa avventura subacquea di Marlin, un pesce pagliaccio particolarmente protettivo, e di suo figlio Nemo, separati quando Nemo viene inaspettatamente portato via per essere messo in un acquario nello studio di un dentista. Incoraggiato dalla compagna di viaggio Dory, un gentile pesce chirurgo blu dalla memoria corta, Marlin intraprende un lungo e pericoloso viaggio durante il quale si trova a essere l’improbabile eroe di un’epica impresa di salvataggio di suo figlio. Un anno dopo, Dory ricorda improvvisamente di avere una famiglia che forse la sta cercando, così i tre decidono di partire per una straordinaria avventura attraverso l’oceano che li condurrà fino al prestigioso Parco Oceanografico, in California, un acquario che è anche un centro di riabilitazione, nel film Disney·Pixar ALLA RICERCA DI DORY di Andrew Stanton e Angus MacLane (2016, 97’). Si finisce in OCEANIA di Ron Clements e John Musker (2016, 107’) sull’isola di Motunui, dove la giovane Vaiana s’imbarca in una coraggiosa avventura per salvare il suo popolo. Attratta in modo inspiegabile dall’oceano, Vaiana convince il potente semidio Maui ad accompagnarla nella sua missione.

BACK TO THE 80’S IN COLLABORAZIONE CON INFINITY E UNIVERSAL PICTURES HOME ENTERTAINMENT ITALIA

Mercoledì 19 luglio, alla vigilia dell’apertura ufficiale della 48esima edizione, la nuovissima Sala Blue di Giffoni Multimedia Valley si trasformerà in una ‘macchina del tempo’ per far vivere ai più giovani, e far rivivere a chi allora era teenager, le emozioni dei film che hanno segnato un’epoca: parte alle 15.00 la Maratona BACK TO THE 80’S, realizzata in collaborazione con INFINITY e UNIVERSAL PICTURES HOME ENTERTAINMENT ITALIA, con sei dei titoli più rappresentativi degli anni Ottanta, periodo cruciale per la produzione di film ‘teen e young oriented’. Un viaggio tra i cult movie del decennio, da BLADE RUNNER, film del 1982 diretto da Ridley Scott (Alien, Il Gladiatore), con l’intramontabile Harrison Ford nei panni di un cacciatore di taglie impegnato a inseguire quattro replicanti che hanno rubato una nave nello spazio e sono tornati sulla terra per cercare il loro creatore, a GREMLINS (The Gremlins), diretto da Joe Dante, che nel 1984 conquistò il pubblico con la storia di Billy, interpretato da Zach Galligan, che inavvertitamente infrange tre importanti regole riguardanti il suo nuovo animale domestico, scatenando un’orda di mostri in una piccola città. È del 1988, invece, LE AVVENTURE DEL BARONE DI MUNCHAUSEN (The adventures of Baron Munchausen), uno dei capolavori di Terry Gilliam che si ispira liberamente all’omonima raccolta di racconti di Rudolf Erich Raspe per portare sul grande schermo i fantastici viaggi del barone e le incredibili esperienze con la sua banda di amici. In un futuro post-apocalittico è, invece, ambientato MAD MAX OLTRE LA SFERA DEL TUONO (Mad Max beyond Thunderdome), diretto nel 1985 da George Miller e George Ogilvie con un giovanissimo Mel Gibson (Braveheart, What Women Want) nei panni del protagonista “Mad” Max Rockatansky, sconfitto dalla crudele Aunty Entity (una strepitosa Tina Turner), ma soccorso da una comunità di ragazzi che guida, a rischio della sua stessa vita, verso il ‘Domani’. Non poteva mancare RITORNO AL FUTURO, con i primi due film della saga diretta da Robert Zemeckis, con Micheal J. Fox nell’indimenticabile ruolo di Marty McFly e Christopher Lloyd nel camice del geniale “Doc” Emmett L. Brown, ideatore del ‘flusso canalizzatore’ che ha trasformato una DeLorean in un veicolo capace di muoversi nel tempo. Il primo, inavvertito, viaggio porta Marty dalla Hill Valley del 1985 (anno di uscita del film) a quella tutta crinoline del 1955: terzo incomodo nella nascente relazione dei suoi giovani genitori, Marty riesce a fare della sua presenza nel passato una risorsa per cambiare il futuro di tutti i protagonisti. Il sequel, RITORNO AL FUTURO PARTE II (1988), proietta il protagonista in un avveniristico 2015 per salvare il ‘futuro’ figlio da prigione sicura e lo costringe a riallineare il continuum spazio-temporale per riportare la pace in famiglia e nella sua pittoresca cittadina. Una programmazione eccezionale che riesce a condensare firme, stili, generi e storie diverse per offrire al pubblico una panoramica affascinante e travolgente su un periodo davvero emozionante del cinema: assolutamente da non perdere.

Share Button