Share Button
Rodolfo Gnocchi, coordinatore area picentina – Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale

Mentre Montecorvino Rovella  è sommersa dai rifiuti Il Sindaco si preoccupa di emanare  ordinanze minacciose che non fanno paura a nessuno senza ricordare di essere moroso con il Consorzio di oltre 700.000 euro. Il piano di rientro sottoscritto dal Comune e dal Consorzio di Bacino SA2 è stato completamente disatteso dall’ente Picentino. Mancano i pagamenti di alcune rate al Consorzio ed anche verso l’istituto al quale è stata affidata la gestione di una parte del credito ceduto. Non ci sono più le condizioni per mantenere un rapporto – lo dichiara Rodolfo Gnocchi coordinatore dell’area Picentina di Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale – Il Consorzio ha già inviato una PEC al Comune comunicandogli  che se entro il 10 di novembre(fra 5 giorni) non gli verrà saldato il dovuto il piano di rientro sarà annullato e come da contratto il Comune, compresi gli interessi,  sarà nuovamente debitore per l’intera somma perdendo il diritto di dilazione . In questo casa c’è il serio rischio che le casse Comunali vengano pignorate o  che si passi alla risoluzione definitiva del rapporto. In tutto ciò gli operatori Ecologici sono senza stipendio da due mesi, causa le continue mancanze dell’amministrazione  locale, i cittadini sopportano increduli questa situazione e il nostro Assessore al ramo pensa ai cani randagi e alla prossima campagna elettorale. Consigliamo ai nostri amministratori,  conclude Gnocchi, di anticipare i titoli di coda di qualche mese evitando di lasciare ulteriori grane a chi li succederà. Restiamo in attesa che anche l’opposizione capisca cosa sta succedendo interessandosi della vicenda in modo concreto lasciando perdere inutili e retorici volantini insignificanti. Apprendiamo che per conto del neo nato gruppo di opposizione Insieme per cambiare si stia occupando della vicenda  il segretario cittadino di Rifondazione Comunista un chiaro segnale di estremizzazione di un progetto politico giunto al capolinea prima di nascere. Uno scenario che preoccupa fortemente i Montecorvinesi  in vista delle prossime elezioni.

Share Button