Share Button

Napoli, l’astensione proclamata dalle sigle sindacali Usb, Oorsa, Faisa Confail, Faisa Cisal e Ugl

Venerdì prossimo, 13 luglio, sciopero del trasporto pubblico locale a Napoli. Anm informa che le sigle sindacali Usb, Oorsa, Faisa Confail, Faisa Cisal e Ugl, hanno proclamato una astensione di 24 ore. L’eventuale sospensione del servizio verrà gestita nel rispetto delle fasce di garanzia con le seguenti modalità: per le Linee Bus il servizio sarà garantito dalle ore 5:30 alle ore 8:30 e dalle ore 17:00 alle ore 20:00. Le ultime partenze saranno effettuate circa 30 minuti prima dell’inizio dello sciopero, mentre il servizio tornerà regolare circa 30 minuti dopo la fine dello sciopero. Per la Linea 1 metropolitana le ultima corse del mattino sono garantite sia da Piscinola che da Garibaldi fino alle ore 9:10 (ultima corsa). Il servizio riprende per la fascia pomeridiana di garanzia con prima corsa da Piscinola alle ore 17.15 e da Garibaldi alle ore 17.55 e termina con ultime corse sia da Piscinola che da Garibaldi alle ore 19.44. Per le Funicolari Centrale, Chiaia e Montesanto, l’ultima corsa garantita al mattino è alle ore 9.20. La fascia pomeridiana garantita inizia invece con la prima corsa delle ore 17.00 e termina con la corsa delle ore 19.50.

Le motivazioni alla base dello sciopero per le sigle Ugl e Faisa Cisal: controlleria unica e chiusura del deposito Garittone; i sindacati Faisa Confail, Usb , Orsa hanno indetto la protesta per il piano industriale della partecipata ed esigenza di personale. In occasione dell’ultimo sciopero di 24 ore del 22 giugno scorso, proclamato dalle sigle sindacali Faisa Cisal e Ugl per gli impianti funicolari, l’astensione dal lavoro dei dipendenti ha avuto un’incidenza sul servizio programmato pari al 28% con la chiusura dei tre impianti. Nella stessa giornata allo sciopero di 4 ore proclamato dalle sigle Faisa Ccisal – Ugl- Orsa – Faisa Confail e Usb, la percentuale di astensione dal lavoro è stata del 26% sulla Linea 1 metropolitana, che ha sospeso la circolazione dei treni fatte salve le fasce di garanzia, per le 4 funicolari del 52% mentre per le linee di superficie del 45%.

Share Button