Share Button

cecilia francese bannerVALLO DELLA LUCANIA. I Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania diretti dal capitano Mennato Malgieri hanno tratto in  arresto in flagranza di reato, V. M., 32enne di Vallo della Lucania,  perché accusato di  detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane è stato scoperto grazie alle perquisizioni effettuate dai carabinieri. Nell’abitazione del 32enne, infatti, sono stati trovati alcuni grammi di marijuana. Grazie all’utilizzo di un cane antidroga “Bent”, è stata rintracciata dietro alcune sedie e sotto un tavolo, una busta contenente 250 grammi di marijuana, droga e soldi3 grammi di hashish ed ulteriori 10 grammi di cocaina, nonché,  bilancini di precisione e materiale da taglio e confezionamento. Successive ed immediate analisi effettuate presso il Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale Carabinieri di Salerno, permettevano di accertare che il quantitativo di  marijuana trovato era del tipo  “Amnèsia”, detta anche comunemente «amnè», marijuana trattata con gocce di metadone: dalla sua combustione si sprigionano fumi devastanti per la salute. Tagliando la marijuana con il metadone, l’eroina e addirittura l’acido delle batterie delle auto, la droga causa una grave amnesia: non si tratta quindi solo di una momentanea perdita di memoria, ma attacchi d’ansia e paranoia, difficoltà di movimento. L’amnèsia spegne intere zone del cervello e  provoca dipendenza immediata. Al termine delle operazioni l’uomo è stato associato in regime di arresti domiciliari presso la sua dimora.

Share Button